Audace Calcio, 100 anni di storia del calcio veronese

Scritto da il 27 Novembre 2021

Una storia lunga quasi 100 anni quella dell’Audace Calcio, la squadra veronese che ora milita in promozione, ma che, tra le sue fila, ha avuto giocatori che hanno scritto la storia del calcio italiano. A parlarci della società è stato il presidente Roberto Purgato che, come suo padre, ha giocato in Audace per una vita.

È una storia lunga quella che mi devi raccontare. Come è iniziata l’avventura di Audace Calcio?

Gli appassionati di calcio che hanno qualche capello bianco in più sicuramente condivideranno quello che sto per raccontare: è una società che per 60 anni è stata la seconda forza calcistica di Verona e che tra gli anni ’30 e gli anni ’50 ha giocato i campionati di Serie C quasi ininterrottamente. Poi c’è stata una parentesi fino agli anni ’70 dove ha militato nei campionati di Serie D e poi c’è stato l’apice che è stato il momento storico recente più importante con la vittoria del campionato nel ’77 della serie D ed è tornata in serie C con una squadra che annovera grandi nomi. Tra questi Montagnoli, Gagliardoni, John Frinzi, il compianto Adriano Manservigi, Meroni, Riccardi in porta…una squadra che è tornata a portare il nome dell’Audace nei campionati professionistici e conta la matricola 3.900 e il nostro segretario Renzo Cappelletti, che è da 35 anni con noi, mi dice sempre usando il condizionale che dovrebbe essere la più longeva del Veneto e addirittura tra le più longeve d’Italia. L’Audace conta giocatori che sono partiti dal settore giovanile o comunque hanno transitato nella società: almeno 50 hanno fatto i professionisti e sei hanno giocato in Nazionale maggiore tra gli anni Venti e gli anni ’60. Oivieri, grande portiere, Attilio Giovannini e Osvaldo Fattori e non ultimo ma il più importante anzi Mario Corso, che qualsiasi appassionato di calcio se lo ricorda: a 16 anni venne ceduto all’Inter alla grande Inter di Angelo Moratti ed Helenio Herrera e ci rimase fino al ’74 e vinse scudetti e la Coppa dei Campioni.

Come sta andando ora il campionato e come avete vissuto il periodo della pandemia?

Il Covid ha purtroppo limitato le nostre attività, ma soprattutto è stata una violenza per i bambini che sono inconsapevoli e non potevano venire ad allenarsi, oppure c’è stato un momento di transizione dove si allenavano ma si dovevano cambiare fuori dallo spogliatoio ed è stato un momento veramente difficile che ha tolto un po’ di entusiasmo, però adesso siamo ripartiti rispettando i canoni e i protocolli che ci ha già imposto la federazione e stiamo andando avanti: abbiamo ripristinato il settore giovanile che quando siamo subentrati nel 2013 purtroppo era stato accantonato e adesso ci contiamo circa 250 iscritti.

Qual è l’obiettivo del campionato?

L’obiettivo nostro è quello di fare un campionato tranquillo anche se purtroppo adesso non è una posizione tranquilla la nostra, che siamo terzultimi, ma abbiamo avuto una serie infinita di infortuni comunque puntiamo a recuperare i giocatori e puntiamo a una salvezza spero tranquilla.

Guarda l’intervista:


Opinione dei lettori

Commenta

La tua email non sarà pubblica. I campi richiesti sono contrassegnati con *



Traccia corrente

Titolo

Artista