Da Ancona a Verona, la pallanuoto vissuta e giocata ai massimi livelli

Scritto da il 1 Ottobre 2021

Faccia pulita e sorriso genuino. Elena Altamura, neo arrivata alla Vetrocar Css Verona, è pronta a fare faville nel prossimo campionato di A1 di pallanuoto. Trapiantata da Ancona, per seguire coach Paolo Zizza, che conosceva dalle nazionali giovanili, Elena si è raccontata alla trasmissione “Buongiorno Verona Live“, parlando di come ha iniziato a giocare a pallanuoto e di come si stia trovando bene nella città scaligera, che l’ha adottata da circa un mese.

«Ho iniziato a 12 anni, quando facevo bagni infiniti al mare, e mi sono avvicinata a pallanuoto grazie a un mio amico che mi ha spinto a fare una prova» ha raccontato Elena.

«A Verona mi trovo benissimo, me ne hanno sempre parlato molto bene. La squadra mi ha accolto bene: con tante ho giocato nella nazionale giovanile. C’è una bella atmosfera sia dentro che fuori dalla piscina. Allenarsi insieme è un piacere anche se è molto duro. Uno dei motivi per cui ho scelto Verona è stato il coach Zizza, che mi aveva allenato alle nazionali giovanili e con cui mi trovo molto bene».

Sulla squadra: «Per ora stiamo iniziando a conoscerci. Abbiamo tanto lavoro da fare ma possiamo toglierci tante soddisfazioni».

Guarda l’intervista:


Opinione dei lettori
  1. Loris   Di   3 Ottobre 2021 alle 09:25

    Conosciamo da poco Elena ma ha già conquistato i suoi tifosi gialloblù per la simpatia e per quanto ha saputo dimostrare in vasca durante le fasi preliminari di Coppa Italia. “Ufo Robot” è il soprannome che le abbiamo dato oltre ad avere un proprio canto che alzeremo ad ogni suo goal.

Commenta

La tua email non sarà pubblica. I campi richiesti sono contrassegnati con *



Traccia corrente

Titolo

Artista