Volley88: in campo, prima di tutto, per il divertimento

Scritto da il 14 Ottobre 2021

Dopo un cambio ai vertici, nel 2018, Volley88 è ripartita dalla Terza Divisione, conquistando poi con fatica la Seconda. Quest’anno, dopo lo stop forzato della pandemia, la società ha detto di non voler puntare alla Prima Divisione, ma di volersi divertire. A confermarcelo è stato il presidente di Volley88, Nicola Riolfi, intervistato durante la trasmissione “Buongiorno Verona Live“.

«Come si capisce dal nome, Volley88 è nato nel maggio del 1988, quindi è da 33 anni che è presente sul territorio e zone limitrofe diciamo. La società è nata dalla volontà dei soci fondatori che volevano dare la possibilità alle bambine e alle ragazze del paese di Pescantina di poter praticare lo sport della pallavolo senza doversi spostare. – ha raccontato Riolfi – Certo è chiaro che in questi trent’anni ha avuto un’evoluzione, soprattutto con la penultima gestione che ha avuto una durata di 11 anni  avendo dei buoni risultati anche dal punto di vista sportivo, guadagnando la Serie C. Poi si sono consorziati con altre società della provincia e siamo arrivati fino al campionato nazionale di B2. Con il cambio ai vertici avvenuto nel 2018 abbiamo portato avanti un discorso di fedeltà al territorio, quindi nel 2020 abbiamo deciso di ricominciare a camminare con le nostre gambe e abbiamo resettato il tutto».

«A febbraio 2020 quando abbiamo dovuto chiudere la palestra senza sapere se saremmo potuti rientrare, è stato un pugno nello stomaco. Poi a luglio quando è ripartita la stagione 2021 avevamo un grosso punto di domanda perché non sapevamo quante ragazze sarebbero rientrate. Abbiamo avuto un buon riscontro perché ne sono rientrate numerose e stiamo lavorando per poter portare avanti la stagione, che è stata una stagione tribolata. Eravamo tutti preoccupati per i numeri che potevamo raccogliere in questo inizio di inizio stagione ma devo dire che abbiamo avuto dei buoni numeri superiori alle nostre aspettative. Certamente ha fatto da volano anche la vincita dei campionati europei sia maschile e quindi siamo molto ottimisti per le stagioni future, dato che se non facciamo entrare forze nuove non avremo più le giovanili».

«Quando abbiamo fatto il reset del consorzio siamo partiti da una terza divisione e ci siamo conquistati la seconda divisione, che faremo attualmente ancora con una squadra giovanile Under 18. E diciamo che la squadra è buona e si sta allenando bene con entusiasmo. Naturalmente noi non abbiamo dato come indicazione principale quella di conquistare la prima divisione, ma ci divertiamo e se ci divertiamo otteniamo anche dei risultati».

Guarda l’intervista:


Opinione dei lettori

Commenta

La tua email non sarà pubblica. I campi richiesti sono contrassegnati con *



Traccia corrente

Titolo

Artista